DSA e Disprassia

DISTURBI SPECIFICI DELL’APPRENDIMENTO (DSA)

Neuro Psicomotricista a Trento – dott.ssa Nicole Giacomini 

Le difficoltà sottostanti i disturbi specifici dell’apprendimento (DSA), ovvero dislessia, disgrafia, discalculia e disortografia, sono spesso riscontrabili già in età prescolare, per questo è indispensabile un’individuazione precoce delle difficoltà e un adeguato trattamento.

Il passaggio dalla scuola dell’infanzia alla scuola primaria

Per il bambino, il passaggio dalla scuola d’infanzia, dove tutto ruota attorno al movimento, alla suola primaria, dove le attività diventano statiche, comporta un grande sforzo; in particolare se lo sviluppo motorio non è avvenuto in modo equilibrato e integrato. Spesso infatti questi bambini possono presentare dei disturbi specifici o difficoltà più globali.

    DSA e Disprassia: l’intervento in neuro psicomotricità

    In stanza di neuropsiomotricità il bambino può sperimentare la dinamicità del proprio corpo nello spazio e nel tempo, in modo da integrare ed equilibrare le competenze che saranno necessarie all’apprendimento scolastico. La neuropsicomotricista svolge quindi un lavoro parallelo a quello della logopedista, mirando allo sviluppo armonico delle competenze di base come equilibrio, coordinazione oculo-manuale e visuo-motoria, integrazione dello schema corporeo e percezione.

    È fondamentale un intervento specifico sull’espressione grafica, attraverso le fasi di sviluppo del disegno, sulla motricità fine, sulla grafomotricità e sulle funzioni esecutive come memoria, attenzione e pianificazione.

    Il lavoro di rete non si esaurisce all’interno dell’equipe ma coinvolge la famiglia e la scuola in modo da condividere gli strumenti operativi nella quotidianità del bambino.